Tunnel Lione-Torino: Vinci ed Eiffage fanno la parte del leoneTELT, la società pilota del traforo Lione-Torino, ha scelto i tre consorzi che scaveranno entro il 2028 la parte francese del traforo del Moncenisio, pari all’80% della sua lunghezza, tra Saint-Jean-de-Maurienne e il confine italiano . I consorzi Vinci ed Eiffage si aggiudicano i due contratti principali, del valore di 1,5 miliardi ciascuno, mentre NGE è nel consorzio vincitore del terzo contratto.

I lavori di scavo del traforo del Moncenisio, che costituisce la parte principale della galleria di base Lione-Torino, dovrebbero mobilitare al massimo 4.000 persone e vi lavoreranno contemporaneamente sette perforatrici.
I lavori di scavo del traforo del Moncenisio, che costituisce la parte principale della galleria di base Lione-Torino, dovrebbero mobilitare al massimo 4.000 persone e vi lavoreranno contemporaneamente sette perforatrici. (DR)

Attraverso Myriam ChauvotInserito il 7 luglio 2021, 13:49Aggiornato il 7 luglio 2021, 14:34 lesechos.fr

Affinché la Lione-Torino possa essere messa in servizio come previsto nel 2030 , la sezione transfrontaliera di 65 chilometri sta attaccando duramente. Mercoledì, la società pubblica binazionale Tunnel Euralpin Lyon Turin (TELT) ha svelato i nomi dei tre vincitori che scaveranno la parte francese del doppio tunnel ferroviario del Moncenisio, lungo 57,5 ​​chilometri (km). Oppure l’80% della struttura (48 km), andando da Saint-Jean-de-Maurienne al confine italiano.

I gruppi francesi guidati da Vinci e da Eiffage (con Spie Batignolles in particolare) fanno la parte del leone, con due contratti rispettivamente da 1,43 e 1,47 miliardi di euro. Il terzo lotto, di 3 km per 228 milioni di euro, va al consorzio guidato dalla svizzera Implenia, di cui fa parte la francese NGE. Essendo la tratta transfrontaliera sotterranea all’89%, TELT deve