UniCredit completa la prima linea. Via Vivaldi, Khayat, Devriendt e CornettaAutonomia a ogni area di business e geografica per velocizzare i processi decisionali. Le principali 4 aree geografiche divise in “Individui”, “Imprese” e “Cib”

di Andrea Deugeni affari italiani.it 15.7.21

UniCredit completa la prima linea. Via Vivaldi, Khayat, Devriendt e Cornetta

Andrea Orcel completa la struttura organizzativa di UniCreditridisegnando la prima linea di ogni area di business e geografica rendendole autonome in modo da velocizzare i processi decisionali interni. Ciò significa che i singoli Paesi, Italia in primis sotto la guida dell’emergente Niccolò Ubertalli, hanno tutte le deleghe necessarie per operare (a livello locale senza dar arrivare il tema al vertice dellaholding), senza un eccessivo accentramento di poteri autorizzativi, com’era invece durante la gestione Mustier. Gestione di cui è stato accantonato anche il farraginoso sistema dei co-head che creava ulteriori ritardi. Dopo l’istituzione del nuovo assetto presentato a maggio e la nomina di un nuovo Group Executive Committee (GEC), Orcel ha individuato i responsabili locali di ogni area di business.

Tamburini (003)


La nuova responsabile Italia area “Individui” Barbara Tamburini

In Italia, sotto Ubertalli, il business è stato diviso in tre aree:Individui” (clienti mass market, affluent e private) affidato a Barbara Tamburini promossa da co-head retail Italy, “Imprese” (piccole, medie e grandi aziende) ad Andrea Casini, con Remo Taricani (dovrebbe restare nel digital marketing) nell’era Mustier co-head Italy e “Corporate and Investment Banking Italia” (Cib Italia) ad Alfredo De Falcoche invece resta al suo posto e che, come annunciato da Affaritaliani.it, costituirà quella struttura di country-banker nazionali delle principali quattro aree di business autonomo sotto Richard Burton (global).

Come rimangono anche i sette regional manager (Nord Ovest, Lombardia, Nord Est, Centro-Nord Italia, Centro Italia, Sud Italia e Sicilia), eccetto Roberto Fiorini che arriva a capo della region Centro Italia. Si conferma come preannunciato da Affari, una valorizzazione delle risorse interne da parte di Orcel che ha puntato a un reshuffle manageriale. La rete di distribuzione di servizi e prodotti bancari è stata divisa in due: una fisica che servirà il territorio organizzato nelle sette region e quella dedicata ai canali distributivi alternativi come il remote banking, UniCredit Direct, buddybank e gli Atm. Tutte le attività tedesche sono affidate a Michael Diederich in qualità di responsabile della Germania e dal management board di Hvb, Markus Beumer è a capo dell’area Imprese e Jan Kupfer del Cib Germania.


Il nuovo responsabile dell’area “Individui” per il mercato tedesco verrà annunciato nelle prossime settimane. Come già annunciato a maggio, Gianfranco Bisagni guida l’Europa centrale che comprende Austria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria e Slovenia, mentre Teodora Petkova è a capo dell’Europa orientale, che comprende Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Romania e Serbia.

9102252 large

A Bisagni e Petkova, che mantengono una responsabilità congiunta per la Russia, riportano la struttura Retail CE&EE,guidata da Pierre Yves Guegan, e la struttura CIB CE&EE, guidata da Fabio Fornaroli. Gli amministratori delegati delle banche nei singoli Paesi rimangono invariati.

Questa struttura lavorerà al nuovo piano industriale per cui Orcel ha chiamato da CariVerona l’ex dg Giacomo Marino e che verrà illustrato al mercato a novembre. Come anticipato da Affaritaliani.it, la nuova responsabile della divisione Digital Jingle Pang, figura manageriale centrale nella nuova gestione Orcel, arriverà ad agosto. A quanto risulta Carlo Vivaldi, ex co-chief operating officer (uscito la scorsa settimana), Olivier Khayat, ex co-head Western Europe banking, Wouter Devriendt, ex responsabile della funzione finanza e controllo (arrivato in Piazza Gae Aulenti solo nel 2019) e il capo delle risorse umane Paolo Cornetta hanno lasciato UniCredit.