La sorprendente eredità di Bin Laden

Gli attacchi dell’11 settembre hanno sia mobilitato l’America che mostrato le sue debolezze, scrive Dominique Moisi. Vent’anni dopo, gli Stati Uniti si ritirano dal Medio Oriente. Il più grande beneficiario non è il mondo musulmano, come sognava bin Laden, ma le due potenze orientali, Russia e Cina.

«Les attaques menées sur le territoire des Etats-Unis le 11 septembre 2001 allaient se traduire par plus, et pas moins d'Amérique au Moyen-Orient»
“Gli attentati compiuti sul territorio degli Stati Uniti l’11 settembre 2001 avrebbero provocato più, e non meno, America in Medio Oriente” (SHAH MARAI / AFP)

Attraverso Dominique Moisi (politico, editorialista a Les Echos)Inserito il 5 settembre 2021, 12:55Aggiornato il 5 set 2021, 12:58 lesechos.fr

“Gli uomini fanno la storia, ma non conoscono la storia che stanno facendo. A vent’anni dagli attentati dell’11 settembre 2001, la formula di Karl Marx potrebbe aiutarci a comprendere gli sconvolgimenti avvenuti nel mondo negli ultimi due decenni?

Con il ritorno dei talebani al potere a Kabul, si sarebbe tentati di considerare che in vent’anni non è successo nulla, al di là del rumore, della furia e delle sofferenze inutili. Il mondo, almeno a Kabul, non è tornato a quello che era nel 2001? Niente sarebbe più lontano dalla realtà. Dietro l’apparenza ingannevole della continuità, il mondo è cambiato molto profondamente. Ma non necessariamente nella direzione voluta dai suoi principali protagonisti nel 2001. Manoscritti recentemente declassificati da Bin Laden – ritrovati nel suo rifugio pakistano nel 2011 – fanno luce sulle sue intenzioni.