Oro del Venezuela nascosto nel Liechtenstein

Finews.ch 8.8.20

Un alto funzionario del governo in Venezuela ha rubato denaro dal tesoro per anni, lo ha bunkerato in oro in Liechtenstein e in seguito lo ha depositato su un conto bancario svizzero. 

Un funzionario del governo e in precedenza anche un’infermiera del defunto presidente del Venezuela, Hugo Chávez , ha usato il tesoro del paese per vent’anni. Ha rubato un totale di circa 300 milioni di dollari sotto forma di denaro e oro, che ha parzialmente nascosto in una cassaforte nel Principato del Liechtenstein in cerca di un “rifugio sicuro”.

Lo emerge da un articolo dell’agenzia di stampa internazionale «Associated Press» . La donna ha fondato una società offshore sull’isola caraibica di St. Vincent e Grenadine e ha acquisito 250 lingotti d’oro per un valore di quasi dieci milioni di dollari, secondo i documenti del tribunale del Liechtenstein.

Dalla cassaforte in Liechtenstein al conto bancario svizzero

Ha nascosto questo oro in un caveau privato in Liechtenstein. A tal fine, una cassetta di sicurezza con il numero G1 è stata affittata per un canone annuo di quasi CHF 20’000 dalla società Liemeta di Triesen, che ha un proprio edificio sicuro nell’area industriale, come ha appreso il “Liechtensteiner Vaterland” .

Pochi anni dopo, l’ufficiale ha venduto una quantità simile di metallo prezioso e ha parcheggiato il ricavato in un conto bancario svizzero. Queste transazioni sono ora al centro delle indagini internazionali. In totale, si dice che la donna abbia rubato 300 milioni di dollari dal tesoro nel corso di due decenni.

Richiesta di assistenza giudiziaria reciproca presentata in Svizzera

I dettagli dell’indagine contro la donna e altre cinque persone provengono da una richiesta di mutua assistenza legale che il Liechtenstein ha fatto in Svizzera. Come riportato dal “New York Times” , i tribunali del Liechtenstein hanno già confermato la sua autenticità.